PALLAMANO

Pari tiratissimo ed emozionante: Sportinsieme e Romagna si dividono la posta

 

 

Letteralmente contro ogni tipo di pronostico, lo Sportinsieme mette a segno il colpaccio, pareggiando 24-24 contro l’Handball Romagna, finora autentica schiacciasassi del torneo assieme a Ferrara e Savena. Quella mostrata dai gialloneri è stata una prova decisamente convincente sia dal punto di vista del gioco che da quello caratteriale, in un mix di tenacia e concretezza che si temeva potesse essere solo un lontano ricordo.

Pronti-via, lo Sportinsieme dimostra di essere in palla già dalle prime battute, portandosi avanti sul 3-1. Rotaru e compagni provano a rifarsi sotto, ma ad allungare sono sempre i reggiani che, merito di un uno-due di Giaquinto, stampano sul tabellone il momentaneo 7-4. Seppur sospinti da una fase difensiva decisamente efficace, la manovra d’attacco reggiana si adagia a delle leziosità del tutto gratuite, e la risposta romagnola non tarda ad arrivare, tanto che il divario vien presto-fatto ridimensionato sul 7-6. Coach Maffei chiede maggiore attenzione ai suoi, i quali prima sembrano rispondere nella giusta maniera timbrando ancora una volta il +3 (9-6) sugli avversari, ma poi riprendono la scia dell’approssimazione, che in poco tempo farà tornare a galla la truppa imolese; gli ultimi 5 minuti di follia reggiana si leggono sul punteggio di 11-11, con quell’aggancio a fil di sirena firmato capitan Baroncini che rimette tutto in discussione nella seconda frazione.

Ai primi 30’ di piacevole intensità agonistica, segue una ripresa altrettanto gradevole, in cui è il forte clima di incertezza a regnare sovrano: per i primi 16’, il referto mostra un continuo ed alquanto costante botta e risposta tra le due squadre come fosse un esaltante scambio tennistico, dove nessuna delle due sembra poter prevalere sull’altra. Si arriva dunque al 47’ sul punteggio di 17-17, ma il cambio di passo del Romagna è giusto dietro l’angolo: sugli sviluppi di due rigori sbagliati dai castellaranesi, gli ospiti mettono a segno quel +2 che spezza l’inerzia della gara, mettendo la contesa su canali a loro più congeniali. Ma la sportinsieme - Romagna 1risposta giallonera non si fa attendere, e, in appena  2’, Siracusano ed Id-Ammou rifanno propria la parità (19-19). I ritmi crescono, la partita entra nel vivo. Gli imolesi mostrano i denti, non vogliono mollare la presa ed il treno delle prime due della classe: Callegari trova il modo migliore di segnare i suoi due gol dell’incontro in un momento clou, andando a sfruttare prima un contropiede, poi un’incertezza di Giovannini, e consegna ai suoi un nuovo vantaggio di due reti (19-21). Riprende la trama della prima metà di frazione, con le due formazioni che rispondono colpo su colpo alle rispettive sfuriate, il tutto mentre si avvicina inesorabilmente la sirena. 22-24, 58’49’’: lo Sportinsieme prova a giocarsi le ultime cartucce ancora in canna, trovando proprio in Id-Ammou – gran secondo tempo il suo – l’uomo in più capace di mantenere accesa la speranza con il gol del 23-24; capovolgimento di fronte con il Romagna che prova ad andare a botta sicura dai 6 metri con Rotaru, ma Giovannini rimane attento: immediato il contropiede fulmineo giallonero che manda Alessandro Lentisco a tu per tu con Minarini, il quale non si fa ipnotizzare. 24-24, tutto il PalaRavazzini scatta in una bolgia impazzita. Con il cronometro che segna 18’’ al termine, la banda imolese si riversa a metà campo; con l’ultimo attacco ancora a disposizione, i romagnoli optano per la carta Callegari, il quale si lancia al tiro, ma viene steso in fase di conclusione: rigore, quando alla sirena mancano 3’’ di gioco. L’arbitro fischia il time-out per permettere il soccorso di Lentisco, rimasto a terra infortunato nel corso dell’azione del pareggio. Dopo alcuni minuti, Rotaru si incammina verso la linea dei 7 metri: tenta una finta, poi un’altra ed infine tira, ma Giovannini para in controtempo; l’estremo difensore reggiano prova ad innescare un ultimo assalto disperato, ma non c’è più tempo. Il match si conclude con una festa incontenibile sulle gradinate ed in campo, con tutto lo Sportinsieme soddisfatto di aver racimolato un punto preziosissimo, da pronostico quasi impossibile, contro una formazione attrezzatissima e di fatto con ancora qualche speranza di promozione.

Una bellissima partita vissuta tutta d’un fiato quella di sabato a Castellarano, con le due compagini che hanno messo in scena uno spettacolo palpitante e davvero denso di emozioni, culminato, infine, con un pareggio che mette giustizia ad entrambe. Senz’altro uno Sportinsieme rigenerato rispetto all’andata, in cui i castellaranesi dovettero soccombere in malo modo, tornando in patria con coda tra le gambe ed il fardello di dover trovare qualche spiegazione riguardo il passivo di 12 reti subito; la fluidità offensiva è stata indubbiamente uno degli elementi che di più hanno impressionato, anche se non sono da sottovalutare le buone prestazioni date dai singoli: un Id-Ammou strepitoso alla sua miglior partita stagionale rimane sicuramente una perla indiscussa, ma la vera notizia è il ritorno in campo dopo due anni di Benvenuti, il quale, con il suoi movimenti ed uno straordinario 100% al tiro, ha dimostrato di essere un giocatore con ancora tante cose da dire.

Ora la lotta al quarto posto entra nel vivo ed, a 3 giornate dal termine, il rush finale che si prospetta, si rivela più che mai avvincente; Faenza, Sportinsieme, Ravarino, Nonantola e Jumpers, tutte in 4 punti, si ritroveranno impegnate in incredibili incroci che renderanno come una finale ogni giornata da qui alla fine. Lo Sportinsieme comincerà sabato prossimo a Nonantola, ultima trasferta stagionale, contro una formazione che vorrà risollevarsi dall’ultima sconfitta di misura contro i Jumpers, puntando tutto sul proprio pubblico e sulla fame di rivalsa. I castellaranesi dovranno dimostrarsi solidi e maturi, dimenticando il mal di trasferta e, non da meno, il beffardo pareggio dell’andata, con l’intento di scrollarsi di dosso un temibile concorrente all’obiettivo finale.

 

Luca Giovannini

…..

Impresa sfiorata per Sportinsieme: Savena resta capolista

sportinsiemesavena1

Nel big match della 5a giornata, allo Sportinsieme non riesce lo sgambetto ai danni della capolista Pallamano Savena: finisce 23-24, con quel minimo scarto che fa bruciare la ferita sia per come è maturata la sconfitta che per l’occasione persa di rimanere attaccati al gruppo di testa. Una partita palpitante ed intensa, maschia e concitata, nella quale solo la maggiore esperienza degli ospiti nei minuti finali è stata decisiva.

La parte iniziale dell’incontro registra due squadre contratte, entrambe troppo attente a controllare l’altra più che a mettere in piedi il proprio passo gara. Per i primi 13′ è comunque lo Sportinsieme che si mantiene avanti nella conta dei gol, lasciando ai felsinei quell’affanno quantomeno temporaneo di pareggiare i tabellini. Ci si studia appunto, ma lo Sportinsieme finisce con l’addormentarsi sui libri: dopo 7 minuti col punteggio inchiodato sul 7-8, al 28′ la Pallamano Savena prova a fare la lepre e mette a referto un break di 0-4, ringraziando ed approfittando di alcune debolezze difensive ed errori in fare di impostazione della formazione di casa. La sirena suona con Younes Id-Ammou che va ad addolcire il divario con il gol del momentaneo 8-12.

Negli spogliatoi coach Maffei fa sentire tutto il suo disappunto, ed i suoi rientrano in campo con tutto un altro piglio: al gol iniziale di Cremonini (8-13), risponde il giallonero Sghedoni, che si carica di cuore e responsabilità per le speranze di rimonta locale; il cronometro segna 36′, e la partita è già riaperta: se da una parte i terminali offensivi ospiti vanno a cozzare contro la muraglia difensiva ben diretta dal capocantiere Vandini, in attacco ancora Sghedoni, nelle vesti di ammiraglio del vascello Sportinsieme, non spreca e non perdona, trascinando la ciurma locale al gol del 14-15. Il PalaRavazzini diventa una bolgia. Il Savena sembra frastornato, presto-detto coach Pesaresi chiede time-out. La musica però non cambia perchè, dopo qualche minuto di botta e risposta, sono ancora i padroni di casa a fare la partita, questa volta con un parziale di 3-0, che li porta in vantaggio sul 19-18. I bolognesi non si danno per vinti, si ricompattano, e si rifanno avanti, non volendo dare affatto segno di mollare la presa (19-20). Nel frattempo la panchina locale si infuria con l’arbitro, recriminando il rosso diretto dopo che il portiere La Guardia ferma fuori dalla propria area uno Sghedoni lanciato in contropiede. Gli animi si accendono, ma è il Savena ad approfittarne: al 52′ il gap tra le due squadre si fa importante, tanto che Dragotta farcisce la sua bella prestazione con il gol del 20-24, rete che, a questo punto del match, sembrerebbe avere la forma di una pietra tombale sull’incontro. Sembrerebbe, appunto, perchè dalle parti di Castellarano non c’è nessuna voglia di mollare l’osso anzitempo: coach Maffei getta nella mischia anche Vezzelli, il quale entra impetuoso in partita, permettendo di accorciare fino al 22-24. Palla al centro, Savena attacca gli spazi e si procura un rigore: se ne incarica Cremonini, ma Giovannini lo ipnotizza; sul successivo capovolgimento di fronte, altro rigore, ma per lo Sportinsieme: Siracusano non sbaglia, 23-24, e manca 1’30” al termine. Il PalaRavazzini scatta tutto in piedi. I felsinei cercano di gestire il pallone fino all’ultimo, Dragotta si prende la responsabilità, ma Giovannini chiude ancora. Mancano 14” per l’assalto finale dei castellaranesi; coach Maffei si sbraccia richiedendo l’attenzione dell’arbitro per il time-out ancora a disposizione, ma invano, ed il tempo scorre fino alla sirena conclusiva con un tiro senza troppe pretese di Id-Ammou. La partita finisce 23-24 per il Savena, con il forte rammarico e la rabbia di uno Sportinsieme che non è riuscito ad approfittare della ghiotta occasione di fare suoi i 3 punti.

Che non fosse un incontro facile, si sapeva già in partenza; che ce la si potesse giocare, se lo auspicavano tutti. Così è stato in effetti, tanto cuore, tanta tenacia sì, ma da sole non bastano: come successo a Ferrara, anche sabato i ragazzi di coach Maffei hanno messo in campo una convincente prestazione, macchiata, bisogna dirlo, da un primo tempo in sordina nel quale hanno accumulato un passivo più che evitabile; dati alla mano, non è possibile impostare un’abituale rimonta – per quanto gradita – sempre nella seconda frazione, soprattutto contro formazioni attrezzatissime e rodate che hanno dalla loro quell’esperienza di saper gestire in un modo o nell’altro il risultato. Certo, malgrado la sconfitta, lo Sportinsieme ne esce comunque “vincitore”, ma occorre riflettere e rimediare a queste lacune, colpendo quando c’è colpire, difendendo quando c’è da difendere, e rendendo, di conseguenza, sempre più ininfluenti pure quegli errori arbitrali che, per quanto grossolani, possono sempre essere dietro l’angolo.

Ora spazio alle feste natalizie per ricaricare pancia e batterie, con la speranza che l’anno nuovo sia carico di soddisfazioni come quello appena trascorso.  Buone vacanze a tutti!!

Luca Giovannini

……

Sportinsieme da applausi

IMG-20151129-WA0017

IMG-20151129-WA0020

classifica-3a

Onore ai vincitori, onore ai vinti. Il match dicartello della terza giornata di andata si conclude con una vittoria non proprio spensierata del Ferrara United: al fischio finale sarà infatti 25-19 a favore dei locali, i quali hanno dovuto sudare ben più delle proverbiali sette camicie per avere la meglio sugli scatenati reggiani. Una partita maschia, frenetica, emozionante, in cui la tecnica dei ferraresi ha fatto tirare un sospiro di sollievo al proprio pubblico solo nei minuti finali, sancendo quel massimo vantaggio che però non risulta essere sincero con quanto visto e vissuto nei 60′ dell’incontro.

Inizio contesa tutto di marca ferrarese: all’iniziale gol ospite di Id-Ammou, rispondono le sfuriate offensive dei locali mettendo un filotto di 4 reti consecutive. La difesa dei padroni di casa è arcigna, si muove compatta, e lo Sportinsieme fatica a trovare spazi ed occasioni capaci di impensierire la retroguardia avversaria; nei primi 10′ i ragazzi di coach Maffei sentono il peso della posta in palio, e la paura di sbagliare si fa sempre più forte, anche merito della bolgia infuocata di un PalaBoschetto letteralmente “murato” di spettatori per la prima assoluta dei beniamini di casa. Al 13′ nuovo massimo vantaggio United: Castaldi vola in contropiede, Giovannini para, ma Giovanardi insacca il tap-in vincente. E’ il gol dell’8-4, e per lo Sportinsieme è già tutto più in salita. Gli ospiti però non si scoraggiano, accorciando le distanze sul 9-7. La disputa si fa accesa, la malizia ed il “mestiere” non mancano certo all’esperta formazione ferrarese, e la trappola è servita: al 18′ Vandini si lascia andare ad un fallo di reazione che gli costa – giustamente – il rosso diretto. La panchina ospite insorge contro l’arbitro, impugnando il fatto che lo stesso direttore di gara fosse di spalle all’accaduto, e che la conduzione di gara stesse prendendo una piega decisamente unilaterale, visti i diversi interventi mai sanzionati dei padroni di casa ad altezza volto. Lo Sportinsieme accusa l’assenza del proprio centro-dietro difensivo, ma riesce a limitare i danni andando negli spogliatoi col referto che segna 13-9 per i locali.

Si rientra in campo, ed è subito massimo vantaggio United. Dopo qualche giro di palla, Alberino scarica per Garani che penetra ed insacca: è il gol del +5 che sembra quasi una condanna per i reggiani. I ragazzi di coach Maffei non si danno per vinti, inseguono e si mangiano ogni pallone, andando ad inondare il campo di quella grinta propria di chi non vuol gettar la spugna anzitempo. Se da una parte Giovannini chiude la porta a chiave per 10′ abbondanti, dall’altra Siracusano ed Id-Ammou suonano la carica della rimonta castellaranese, piazzando un break clamoroso di 5-1: al 45′ il tabellone segna 15-14, e coach Ribaudo richiama tutti per riordinare idee e concentrazione. La trama dell’incontro rimane tuttavia la stessa, ma è lo Sportinsieme che, prima con Id-Ammou Ismail e l’azione successiva con Vezzelli, non ne approfitta per ristabilire la parità sulla contesa. Si va col risultato incerto fino al 54′, quando salgono in cattedra l’esperienza e la superiorità tecnica del Ferrara United, su tutti Sgargetta alla fine top scorer con 10 reti. A pochi minuti dal termine il divario si fa importante (23-18), ed allo Sportinsieme non resta che consegnare le chiavi di una vittoria alla fine meritata nelle mani dei ferraresi alla loro prima casalinga assoluta. La sirena del 60′ sancirà il 25-19 in favore del Ferrara United, ma con la truppa di Castellarano che uscirà comunque tra gli applausi del PalaBoschetto.

Una sconfitta, se così si può dire, “dolce”, rimediata contro la formazione probabilmente più accreditata alla promozione in A2, ma che ha avuto ben più di un grattacapo per disfarsi della pratica Sportinsieme; un secondo tempo ad altissimo livello agonistico non è tuttavia bastato ai ragazzi di coach Maffei, i quali hanno forse pagato troppo la timidezza della prima frazione e, di conseguenza, la corsa sfrenata al pareggio dei minuti finali in termini di fiato e gambe. Ad ogni modo una battuta d’arresto formativa che ha fatto emergere una tenuta mentale che nel match scorso contro i Jumpers doveva essere rivista, e così è stato. Una compattezza di gruppo da replicare domenica prossima contro il fanalino di coda Carpi, sicuramente alla portata, ma si sa che le sottovalutazioni non sono mai ottime consigliere.

Luca Giovannini

…..

Sportinsieme, buona la prima: Ravarino al tappeto

IMG_3523-FILEminimizer

Comincia nel migliore dei modi la stagione 2015/2016 dello Sportinsieme: nell’ostico parquet di Ravarino (MO), i castellaranesi riescono ad imporsi per 32-21, al termine di una partita a senso unico fin dai primi minuti di gioco. Un risultato di certo inaspettato anche per i reggiani più ottimisti se si considerano le due sconfitte maturate contro gli stessi modenesi nello scorso campionato; risultato, d’altra parte, che rispecchia oggettivamente quanto visto ed espresso dalle squadre nel perimetro di gioco.

Pronti-via, e lo Sportinsieme prende subito il largo: al momentaneo 1-1 ravarinese firmato Zambelli (unica parità dell’intero match), la formazione reggiana mette piede all’acceleratore, imprimendo un lapidario break di 11 a 1 che taglia testa e gambe ai padroni di casa. Merito di una difesa arcigna e sempre attenta, i ragazzi guidati da coach Maffei sprecano poco anche in attacco, dove le fiammate vincenti di Sghedoni e Lentisco – vere spine nel fianco – permettono una decisa ipoteca sulla disputa dopo appena 20′. Ravarino prova una timida risalita sul 5-12, ma è solo un fuoco di paglia, perché sul fil di sirena gli ospiti ristabiliscono il massimo gap, andando negli spogliatoi sull’8-18.

Ritorno in campo sulle ali dell’equilibrio nel corso dei minuti iniziali, dove chi si poteva immaginare un veemente moto d’orgoglio da parte dei ravarinesi, si deve accontentare di un semplice botta e risposta sui colpi puntuali dei reggiani. Il bomber di casa Zambelli stenta, lo Sportinsieme ne approfitta: dopo un primo tempo decisamente opaco, sale in cattedra Siracusano, il quale, coadiuvato dal prezioso lavoro del debuttante Ismail Id-Ammou, stabilisce al 43′ il massimo vantaggio ospite sul 12-27. Ravarino è irriconoscibile, povero di idee e gambe. Nel finale per i ragazzi di coach Zanfi c’è solo spazio per limitare i danni e rendere il passivo meno pesante, con il tabellone che va a sancire la vittoria, comunque netta, per 21-32 in favore dello Sportinsieme.

Tre punti dunque decisamente pesanti per la compagine castellaranese, arrivati su un campo per tutti difficile e su una squadra ostica dai singoli in grado di cambiare in ogni momento l’inerzia della gara. In questo caso lo Sportinsieme ha avuto la meglio grazie alla grande e generosa compattezza difensiva prima, dall’ordine nello sviluppo della fase offensiva poi; migliora considerevolmente anche la gestione della palla, elemento sul quale in tutta la passata stagione la formazione reggiana è risultata deficitaria, e che fa quindi ben sperare per il futuro. Ad avvalorare maggiormente la bella vittoria, buone risposte dalla folta linea giovane entrata a far parte della prima squadra: si riportano le ottime performances dei giovani  Ravazzini – 2 reti per lui – e Cocchi, autore di diverse parate importanti nella seconda frazione di gioco.

Archiviato Ravarino, orecchie tese per la seconda giornata di campionato, dove lo Sportinseme ospiterà i cugini castelnovesi del Marconi Jumpers: per i ragazzi di coach Maffei non sarà certo facile domare i “saltatori”, che arriveranno a Castellarano con l’intento di riscattarsi dalla bruciante ed roboante sconfitta interna subita per mano del Ferrara United.

Appuntamento quindi a Sabato 21 Novembre, ore 18.15, al PalaRavazzini di Castellarano per il match tra Sportinsieme e Marconi Jumpers.

TABELLINI:

Pallamano Ravarino: Govoni, Raimondi, Condello(K) 1, Lombardi 2, Parenti, Perazzolo 1, Salvarani 1, Azzolini 5, Zambelli 6, Dallolio 2, Del Villano 1, Strada 3, Bellei, Mizouri. All. Zanfi Angelo

Sportinsieme: Vandini , Id-Ammou Y. 4, Buonansegna 1, Esposito, Cocchi, Giovannini, Vezzelli 3, Sghedoni A. 7, Id-Ammou I. 3, Siracusano(K) 7, Catalano, Lentisco 4, Ravazzini 2, Ferrari. All. Maffei Stefano

Parziali:  8-18; 21-32.

Ammoniti/Esclusioni:  Sportinsieme 3/7; Ravarino 3/5.

Arbitro:  Nicolella e Rispoli (SA)

Luca Giovannini

……

ASD Sportinsieme Castellarano: si ricomincia!

sportinsieme-Castellarano-2015-2016

Il tempo delle spiagge, delle ferie e delle serate balorde sembra ormai un lontano ricordo, la routine lavorativa ha ripreso inesorabilmente i propri binari, ed anche la Serie B Maschile di pallamano comincia – finalmente – a scaldare i motori. Ci eravamo lasciati con la vittoria del Bologna Handball che, dopo una lenta e silenziosa risalita, riusciva a domare al fotofinish un Parma Pallamano partito coi favori del pronostico: alla fine hanno comunque gioito entrambe per l’approdo in A2, una per promozione diretta, l’altra per ripescaggio. Lo Sportinsieme di Castellarano chiudeva alle pendici dell’ultimo gradino del podio targato Romagna Handball, difendendo quel 4° posto con le unghie e coi denti dagli attacchi arrembanti della S.P. Modena e della Pallamano Arci Uisp Ravarino, molto più in forma dei reggiani e con maggiore continuità di risultati nella seconda parte del torneo.

La stagione 2015/2016 che si appresta ad iniziare il prossimo 14 Novembre riserva diverse novità: anzitutto il numero di squadre iscritte, 10, due in meno rispetto a quelle dello scorso campionato; abolito l’inglobamento delle formazioni Under 20, da quest’anno solo seniores; grandi stravolgimenti e nuove realtà partecipanti: fatta l’eccezione per Handball Faenza (retrocessa dall’A2), al via anche tre società neonate, le quali non si faranno certo riconoscere per inesperienza o basso tasso tecnico, tutt’altro: Pallamano Secchia, la meno quotata del trio, si presenta con la guida di mister Vigliotti, vecchia conoscenza della pallamano castellaranese pronta a dare slancio ed entusiasmo all’ambiente rubierese; la Pallamano Savena, nata dalle ceneri dei Pirati Handball, coi suoi nomi di grido si prenota già in partenza per un posto tra le big candidate alla promozione; ultima – non certo per importanza – è l’H.C. Ferrara United, altra papabile protagonista, che ripropone quasi in blocco quel gruppo storico che dalle giovanili riuscì nella fantastica scalata fino all’A1 nazionale.

Diverse sono le novità anche in casa Sportinsieme: la rosa di coach Maffei, se da una parte perde elementi come Di Matteo (direzione Casalgrande), Sghedoni Daniele e Benvenuti Stefano (per motivi personali), dall’altra ritrova il graditissimo ritorno in gruppo di Ismail Id-Ammou dopo un grave infortunio, e dei preziosi Catalano, Lentisco Cristian e Li Causi, sempre presenti in orbita societaria e che hanno voluto fortemente riabbracciare il progetto. Lo Sportinsieme continua con la sua logica di inserimento graduale di giovani in prima squadra, volta a migliorare e far crescere il proprio settore giovanile, affinché gli atleti possano essere pronti una volta tirati in causa; nello scorso campionato ne sono stati esempio i vari Cocchi, Ferrari e Ravazzini, notevolmente maturati, dai quali quest’anno ci si aspetta il salto di qualità. Formazione dunque ringiovanita, acerba ed ancora in cerca delle ottimali alchimie di squadra, ma che nonostante tutto ha dato dei promettenti segnali a coach Maffei nelle 2 amichevoli pre-campionato: una sconfitta di misura contro la Pallamano Modena (serie A2) ed una vittoria contro i cugini di pari categoria della Pallamano Secchia. Il lavoro da effettuare è ancora tanto, soprattutto per l’inserimento dei nuovi arrivati, tuttavia la direzione sembra quella giusta.

In attesa del fischio d’inizio stagionale della Serie B in programma sabato 14 Novembre in trasferta contro lo scomodo Ravarino, per lo Sportinsieme c’è ancora tempo per un’ultima amichevole – questa di vero prestigio – contro la Nuova Era Casalgrande, militante nel massimo campionato nazionale di A1. L’occasione è quella dell’inaugurazione del PalaRavazzini dopo i lavori estivi di ristrutturazione, alla quale Casalgrande ha risposto sì in maniera entusiasta all’invito della società castellaranese; i buoni rapporti ed il sodalizio che lega le due compagini reggiane da diversi anni non sono certo una novità, basti solo riportare come esempi i vari Russo, Di Matteo e l’azzurrino Seghizzi Emanuele, tutti prodotti della cantera o comunque di cartellino Sportinsieme.

Appuntamento dunque per sabato 7 Novembre alle ore 18 presso il PalaRavazzini di Castellarano, per un’amichevole di lusso per lo Sportinsieme ed il suo pubblico, contro la Nuova Era Casalgrande, alla quale a nessuno è permesso mancare (soprattutto per il terzo tempo finale)!!

Luca Giovannini

…….

 

Passa l’ASD Sportinsieme Pallamano contro l’Handball Carpi, ma che fatica!

Campionato Regionale di Pallamano Maschile – Serie B

ASD Sportinsieme – Handball Carpi 26 – 23

 

Sportinsieme: Barozzi, Buonansegna, Di Matteo 5, Ferrari, Cocchi, Giovannini, Id-Ammou 4, Lentisco 1, Vandini 3, Vezzelli 3, Sghedoni A. 1, Sghedoni D. 2, Siracusano(K) 5, Benvenuti, Locci 2. All. Maffei Stefano

Handball Carpi: Baraldi 3, Calliumi L., Calliumi S. 3, D’Angelo 4, Corradi M., Corradi D. 3, De Giovanni, Gazavotti 1, Girolamodibari, Orenzini, Leonisi, Malagola(K) 5, Collazzo 5, Smiriglio 1 . All. Galluccio Filippo

Parziali:  15-12; 26-23.

Ammoniti/Esclusioni: Sportinsieme 3/1; Handball Carpi 3/2.

Rigori: Sportinsieme 4/5; Handball Carpi 2/6.

Arbitro:  Castro (BO)

 

 

Sportinsieme CastellaranoTutto è bene quel che finisce bene: non si possono certo trovare altre parole che descrivano meglio di così la vittoria dell’ASD Sportinsieme, dal quale, contro l’Handball Carpi, ci si aspettava ben di più dopo la roboante e convincente prestazione in terra bolognese contro il Pirati Handball. Conferme che non sono arrivate appunto, e che, nonostante i 3 punti guadagnati, lasciano non poco amaro in bocca a coach Maffei, il quale si è dovuto adoperare più del necessario nel richiamare ordine e concentrazione ai suoi. Il divario di 14 punti in classifica che divideva la quarta dalla terzultima della classe non si è sentito, in una partita dall’esito sempre incerto che ha visto almeno divertire la bella cornice di spettatori sugli spalti.

Non comincia certo bene il primo tempo dello Sportinsieme, che si ritrova fin dall’inizio a rincorrere, con i carpigiani che si fanno avanti sul 3-0, nonostante il rigore parato dal giovanissimo Cocchi in avvio. La risposta reggiana non si fa attendere, tanto che il 4-4 arriverà poco dopo, grazie ad un tiro dal fondo di Id-Ammou. L’impatto dello Sportinsieme sulla gara è confusionario, senza considerare le leggerezze difensive e la grande quantità di palloni persi, sui quali un modesto – ma decisamente dignitoso – Carpi riesce a sfruttare e capitalizzare a suo favore. L’inerzia della gara s’incanala di nuovo a favore Sportinsiemedella compagine modenese, merito di Baraldi che va a scrivere per 2 volte consecutive il suo nome sul referto, portando i suoi al 9′ sul 7-9.

Coach Maffei mischia le carte nel solito e doveroso time-out, buttando nella mischia Sghedoni e Vezzelli. Con pazienza, ASD Sportinsieme prova a mettere nero su bianco la sua firma sulla partita, andando prima a pareggiare i conti con gli ospiti, e poi ingranando ulteriormente la marcia con Vandini e Id-Ammou, fino a piazzare un deciso 8-1 che permette ai locali di scrivere 15-10 a due minuti dal termine. Quando il buon senso dovrebbe suggerire di gestire il risultato, il collettivo reggiano fa tutt’altro, andando a cercare la giocata di fino, e, con un’eccessiva approssimazione in fase difensiva, permette così al Carpi di andare al riposo sul 15-12.

Si ritorna dagli spogliatoi con lo Sportinsieme che, con un contropiede di Lentisco, prova a rimettere l’arrembante squadra di coach Galluccio a distanza di sicurezza, ma gli risponde prontamente Corradi sul capovolgimento di fronte (16-13); azione successiva, fallo su Siracusano e rigore: se ne incarica Di Matteo, il quale sbaglia esaltando Orenzini, autore di una prova generale davvero sopra le righe; l’Handball Carpi ora ci crede, e sulle ali dell’entusiasmo, va a ripianare il risultato sul 16-16. La partita è ancora apertissima. Come nel primo tempo, la strategia attendista dello Sportinsieme non dà i frutti sperati, lasciando il pallino del gioco agli ospiti, i quali annientano ogni tentativo di contropiede e di ipotecare la partita anzitempo in favore dei padroni di casa. Fase del match1La parità regna sovrana fino al 52′, e sarà solo una sfuriata offensiva del trio Di Matteo-Siracusano-Sghedoni a dare respiro ai polmoni del PalaRavazzini, che, non senza difficoltà, riescono a scardinare la difesa carpigiana con un parziale di 3-0, permettendo ai locali di andare sul 24-21. La formazione modenese non ci sta e si riversa con tutte le forze ancora in corpo a ridosso della difesa locale; a 5′ dal termine, Collazzo e Smiriglio prendono in mano le redini del Carpi, e si rifanno sotto sul -1 (24-23). Tutto lo Sportinsieme è in apprensione, non trova più il bandolo della matassa avversaria; al 58′ rigore per il potenziale pareggio modenese: Collazzo si vede negare la gioia dell’aggancio da Giovannini, il quale mette una pezza alla sua prova fin qui abbastanza rugginosa. Le ultime forze dello Sportinsieme vengono usate in maniera appropriata, gestiscono palla e risultato, andando al tiro a colpo sicuro: finisce 26-23, tra sospiri di sollievo dei locali e delusione tra gli ospiti.

Arrivano i 3 punti per lo Sportinsieme, ma la compagine reggiana patisce l’entusiasmo di un ottimo Handball Carpi, e per motivi meramente psicologici, non riesce a fare la partita da padrona. La scarsa incisività sotto porta e le inspiegabili lacune difensive sono sicuramente elementi da sistemare in Fase del match2vista della proibitiva trasferta di domenica prossima contro la terza della classe Bologna United; anche in virtù delle assenze annunciate di 5/7 della difesa titolare, sarà ancora più ardua affrontare con questo spirito una squadra che, per qualche “strano” cavillo di regolamento, ha la possibilità di schierare tra i convocati della Serie B, anche giocatori che militano nella formazione di A1 della stessa società. Tralasciando tutto ciò, si prospetta una sfida di grande fascino e motivazione che si spera possa accantonare la prova opaca appena raccontata.

Luca Giovannini

…..

 

Sportinsieme da urlo! Affondati i Pirati al fotofinish

(Luca Giovannini, www.concretamentesassuolo.it)

Campionato Regionale di Pallamano Maschile – Serie B

Pirati Handball Castenaso – ASD Sportinsieme 28 – 29

Esultanza-Sportinsieme--640x360

 

I tabellini

Pirati Handball: Andreetti 2, Bosi, Calzolari 3, Cremonini 4, Frabetti, Maccarone 1, Marafioti 1, Marsigli 1, Massari 4, Molinari, Negozio, Odorici(K) 5, Paravidino 3, Stabellini 5. All. Poli Giacomo

Sportinsieme: Barozzi 1, Buonansegna, Di Matteo 9, Esposito, Cocchi, Giovannini, Id-Ammou 5, Lentisco, Locci 2, Vezzelli 1, Sghedoni A., Sghedoni D. 1, Siracusano(K) 9, Benvenuti 1. All. Maffei Stefano

Parziali:  14-14; 28-29.

Ammoniti/Esclusioni: Pirati Handball 3/2; Sportinsieme 2/1.

Arbitro: Kurti (BO)

 

Fase del match1Si possono raccontare di partite più o meno avvincenti, di vittorie meritate o sconfitte di misura, di occasioni perse o pronostici ribaltati. Oggi, però, vi racconterò di uno scontro che ha i connotati di una vera e propria impresa; non ci sono altre parole per descrivere quanto costruito dallo Sportinsieme domenica sera nel fortino dei Pirati Handball di Castenaso (BO): fortino, appunto, perché i due volte campioni in carica del campionato (non saliti di categoria a causa di ristrettezze finanziarie) non conoscevano sconfitta sul proprio parquet casalingo da più di 3 anni, in un campo dove hanno sempre fatto valere fisicità e tecnica dei propri giocatori, molti dei quali in passato hanno anche goduto delle glorie della massima serie e della Nazionale. Ad avvalorare ulteriormente quanto ottenuto, lo Sportinsieme si presenta a Castenaso priva della propria diga umana Vandini, e con un folto problema di infermeria che affligge da diverse settimane la compagine reggiana.

I 30′ iniziali hanno come protagonista assoluto l’equilibrio tra le due formazioni: il primo gol della partita arriva dopo ben 4’20” con la firma del veterano bolognese Odorici, al quale prontamente risponderà l’altro capitano, ovvero Siracusano. Lo Sportinsieme fatica a dare velocità e verticalità alla propria manovra offensiva, e quando gli riesce, spreca malamente sotto porta, mantenendo di fatto la contesa in un limbo più che mai indeciso. Al 10′, episodio importante – e quanto mai deprecabile: a palla lontana, Marsigli si lascia andare ad uno sgambetto farcito da una successiva gomitata in pieno volto ai danni del reggiano Barozzi, che cade a terra; al contrario di molti giocatori che non si accorgono di nulla, l’arbitro Kurti vede tutto e non esita un secondo nel comminare il rosso diretto al giocatore felsineo, che già in altre partite tante, troppe volte aveva confuso il campo di pallamano con il ring di Oktagon. Il match riprende, e la formazione castellaranese mette la testa avanti, prima con Benvenuti e poi con una fucilata di Di Matteo, andando a firmare al 14′ il +2 sui Pirati. Le squadre si controllano, controbattendosi colpo su colpo alle rispettive offensive. Bisogna aspettare il 21′ per assistere al primo importante break della partita: prendendo botte da tutte le parti, un ritrovato Locci suona la carica ai suoi, e mette a referto 2 reti che permettono allo Sportinsieme di sognare sul momentaneo 7-11. Come spesso è accaduto nel corso del campionato, la squadra reggiana si adagia, ed anche questa volta deve fare i conti con questa loro debolezza: a fil di sirena, i Pirati ultimano la rimonta sul 14-14 con un parziale di 5-1 che fa tornare sulla terraferma gli ospiti ed infuriare coach Maffei negli spogliatoi.Fase del match2

Il secondo tempo riprende sulla falsa riga del primo, con il particolare in più che entrambe le formazioni si studiano a vicenda, tanto da giocare nei minuti iniziali col “braccino corto”, con la paura che l’una possa scappare via sull’altra, mettendo sul tabellone un gap poi difficilmente colmabile. La situazione di stallo si sblocca al 41′, con i Pirati che sfruttano d’esperienza un momento di superiorità numerica, portandosi avanti sul 21-18 grazie ad un ottimo Stabellini. Coach Maffei chiama il time out, e da qui inizia lo show di Siracusano e diDi Matteo: sugli sviluppi di un rigore parato da uno strepitoso Cocchi al 48′, orgoglio in spalla, il capitano giallo-nero non fa pesare ai suoi la marcatura a uomo sull’ottimo Di Matteo, e si invola verso la difesa bolognese come una mina impazzita, aprendone di fatto le maglie e consentendo allo Sportinsieme di diminuire le distanze (22-21); appena un minuto più tardi, sarà sempre Siracusano a tirarsi a sé due avversari prima di scaricare palla a Sghedoni Daniele, il quale lascia partire un missile terra-aria che per poco non sfigura il portiere avversario: è il gol del pareggio. La difesa reggiana reagisce all’opacità maturata nel secondo tempo, non si scompone, lotta, e, merito del solito Lentisco e di un colossale Esposito non curante di un infortunio al polso rimediato nella prima frazione, tiene al riparo dalle intemperie la porta di un altalenante Giovannini. La parità viene interrotta al 51′ su rigore da Di Matteo, che permette alla squadra ospite di rimettere la testa avanti nella disputa sul 24-25; i Pirati sembrano in affanno, ma riescono comunque a rispondere alle sfuriate avversarie di Di Matteo prima, e poi diVezzelli, che, nonostante lo scarso minutaggio, riesce ad entrare bene in partita e dare il suo importante apporto. Minuto 58’13”, 27-27: Siracusano chiede palla, punta l’avversario ed in controtempo beffa ancora il portiere locale: 27-28; sul capovolgimento di fronte Paravidino ristabilisce il pareggio con un delizioso pallonetto: di nuovo equilibrio, 28-28. Ultimo minuto di gioco, palla in mano allo Sportinsieme: i ragazzi di coach Maffei cercano di andare a colpo sicuro, ma la difesa felsinea è compatta; dopo diversi giri di palla, si porta al tiro Siracusano che sbaglia: scatta in contropiede Andreetti che a tu per tu con Giovannini prova il pallonetto, ma la sfera si stampa clamorosamente contro il palo; ultimi 15” secondi concitati, tutto il pubblico in piedi: se i Pirati non vogliono mollare la presa, lo Sportinsieme ha dalla sua l’ultimo attacco a sua disposizione; mezzo giro di palla, la rivuole Siracusano, punta il galeone pirata, chiude gli occhi e si lancia a kamikaze nell’unico spiraglio rimasto, andando a Esultanza Sportinsiemegonfiare la rete: è l’urlo del guerriero, è l’urlo del 28-29! La formazione bolognese si riversa a metà campo con ancora 8” sul piatto: saltano gli schemi, tutti i giocatori dello Sportinsieme in marcatura a uomo sui rispettivi avversari. Maccarone prova ad andare al tiro, ma viene fermato con un fallo a 9 metri dalla porta mentre suona la sirena di fine partita: sarà il tiro franco a decretare la fine delle ostilità. La folta barriera reggiana si dispone unita in maniera certosina davanti a Frabetti: è l’ultimo assalto pirata possibile per agguantare il pareggio. Frabetti tira sul primo palo, Giovannini para: scoppia la bolgia dalla panchina ospite unitamente alle coronarie del pubblico accorso da Castellarano, per una vittoria che ha dello storico, contro una delle squadre più forti ed attrezzate degli ultimi anni, in un campo quanto mai ostico ed infuocato.

Vittoria meritata per lo Sportinsieme che riesce a capitalizzare il massimo bottino e scrollarsi di dosso la bruciante sconfitta della settimana scorsa a Modena; 3 punti importanti arrivati nonostante in campo siano scesi più che degli atleti dei pazienti della lungodegenza ortopedica, ma che va fatto loro un plauso per la convincente interpretazione e predisposizione alla gara; tra questi rientra certamente Siracusano, autore come Di Matteo di 9 reti, rimasto in dubbio fino alla vigilia per lombalgia e pubalgia, ma ha voluto fortemente esserci pur presentando problemi fisici da giocatore quasi sulla via del tramonto. E’ stata la prestazione collettiva ad avere la meglio sul fascicolo ‘Pirati’, impreziosita dal fondamentale sostegno dei ragazzi entrati dalla panchina, sempre in palla e volenterosi. La squadra di Castenaso, invece, è stata incapace di imprimere alla partita il ritmo necessario ad esaltare le capacità tecniche dei propri singoli, scaturendo di fatto in una manovra spesso ripetitiva, alla lunga sterile, che ha permesso alla compagine reggiana di prendere le misure e dettare addirittura i tempi della contesa.

Come prossimo appuntamento – dopo ben 3 partite in trasferta-, lo Sportinsieme riabbraccia finalmente il suo pubblico del PalaRavazzini nel match contro Handball Carpi in programma sabato 7 Marzo alle ore 18.15, match fondamentale per valutare la continuità di risultati della squadra di Castellarano.

 

RISULTATI:

Bologna Handball – Rapid Nonantola: 34-17

Pallamano 2 Agosto – G.S. Riale: 28-23

Handball Carpi – Pallamano Ravarino: 18-23

S.P. Modena – Pallamano Imola: 25-24

Pirati Handball – Sportinsieme: 28-29

Parma Pallamano – Marconi Jumpers: 27-20

 

CLASSIFICA:

H.C. Pallamano Imola 35, Parma Pallamano 35, Bologna Handball 33, ASD Sportinsieme 28, Pirati Handball 28, Pallamano Arci Uisp Ravarino 22, S.P. Modena 21, Pallamano 2 Agosto 19, Marconi Jumpers 19, Handball Carpi 11, G.S. Riale 8, Rapid Nonantola 0.

……..

Sportinsieme da brividi: che pareggio col Parma!

di Luca Giovannini (http://www.concretamentesassuolo.it/sportinsieme-da-brividi-che-pareggio-col-parma)

Fase-della-partita-gennaio-657x360

 

Campionato di Pallamano Maschile – Serie B

ASD Sportinsieme Castellarano – Parma Pallamano: 26 – 26

Dopo la sconfitta in terra imolese della settimana scorsa, altro incontro caldo per l’ASD Sportinsieme Castellarano contro il Parma Pallamano. Caldo, appunto, perché si affrontano la seconda della classe ed i castellaranesi fermi al quarto posto a 4 punti di distanza; caldo, in quanto la rivalità tra le due squadre è risaputa, sia per il fatto che negli ultimi anni hanno convissuto nelle parti alte della classifica, contendendosi anche la promozione, sia perché entrambe non sono mai riuscite ad espugnare il campo avversario. A rendere ulteriormente sentito il match, rileviamo anche la presenza dei due ex Di Matteo e Giovannini, che hanno militato in A2 con la compagine parmigiana per due stagioni.

Parma arriva a Castellarano col morale alle stelle e con la consapevolezza della propria forza, sbaragliando negli ultimi incontri gli avversari con divari mai inferiori ai 15 gol e – non da meno – forti delle 39.5 reti di media nelle ultime 4 partite; di umore diverso l’ASD Sportinsieme Castellarano, che con la vittoria contro il G.S. Riale sperava di aver ritrovato sé stesso e la convinzione di poter tenere il passo delle grandi, ma in meno di una settimana ha dovuto tornare a fare i conti con una prestazione incolore contro H.C. Pallamano Imola, e ridimensionare quindi le proprie ambizioni.

Il primo tempo comincia con Parma che riesce ad infilare per 3 volte i padroni di casa, i quali non rimangono a guardare; contrariamente alle scorse partite, la reazione dell’ASD Sportinsieme Castellarano è puntuale ed immediata, tanto che si rendono capaci d’imprimere un break di 5-1, portandosi in vantaggio sul punteggio di 5-4. Seppur a fatica, i locali riescono a tamponare i contropiedi e le ripartenze in seconda fase dei ducali, e la contesa si mantiene in equilibrio fino all’8-8. Al 21′ Parma mette piede all’acceleratore e rifila un altro parziale di 3-0, andando sull’8-11; gli animi cominciano a scaldarsi, ambedue le difese si fanno sentire con colpi non propriamente leciti, ma gli unici a rimanere sanzionati con esclusioni da 2′ sono i reggiani, i quali lamentano al signor Baraldo una direzione di gara a senso unico e non all’altezza, farcita, peraltro, da continue e “discutibilissime” interpretazioni del Passivo, che hanno lasciato a braccia spalancate pubblico e atleti in campo. Anche con due giocatori in meno, ASD Sportinsieme Castellarano mette in campo un’offensiva d’orgoglio, prima pareggiando i conti sull’11-11, ed addirittura portandosi poi in vantaggio sul 12-11. Le due squadre si rispondono punto a punto, fino ad arrivare alla conclusione della prima frazione di gioco sul 13-13.

Al rientro dall’intervallo, la disputa rientra sugli stessi binari del primo tempo:
Parma tenta la fuga, ASD Sportinsieme Castellarano riagguanta e si rifà avanti. La partita è bellissima: il giovanissimo portiere Vulpe da una parte, e Giovannini dall’altra, si sentono in giornata e mantengono viva la contesa. Per i ducali la posta in palio è particolamente alta e ghiotta, se solo si considera che nel prossimo turno affronteranno tra le mura amiche la capolista Imola, e presentarsi all’appuntamento con lo stomaco pieno di 3 punti farebbe davvero gola; sarà infatti del Parma il tentativo di scrivere la parola fine alla pratica ASD Sportinsieme Castellarano, che sblocca al 55′ la situazione di stallo, mettendo a referto un break di 3-0 col tabellone che va a segnare il 20-23 per gli ospiti. I padroni di casa sono tramortiti, ed appena un minuto più tardi arriva la beffa: sugli sviluppi di un contropiede, Di Matteo ostacola in maniera composta Faiulli lanciato a rete; l’arbitro non ha dubbi: rigore e rosso diretto. Il pubblico, indiavolato, si riversa sulle transenne, mentre i giocatori reggiani accerchiano il signor Baraldo in cerca di spiegazioni riguardo quest’ultima decisione totalmente opinabile: anche lo stesso Faiulli ammetterà di essere rimasto stupito da tanta severità. Dal dischetto, gol, 20-24 e massimo vantaggio della partita per gli ospiti, quando il cronometro segna 56’35″. Coach Maffei chiama il time out per placare gli animi dei suoi e tentare il disperato assalto finale. Seppur in inferiorità numerica, ASD Sportinsieme Castellarano rientra in campo con gli occhi infuocati, con una tale determinazione e voglia di rivalsa che non si vedeva da inizio stagione, tanto che in 90″ la ditta Vezzelli-Siracusano vanno a dimezzare il divario. Il finale è concitato: l’offensiva parmigiana si infrange sulla diga in muratura tirata su dal trio Lentisco-Vandini-Id Ammou, ed è proprio quest’ultimo a volare in contropiede andando a siglare il gol del momentaneo 25-26 a 47″ dal termine. Tutto il PalaRavazzini scatta in piedi, è il delirio; Parma cerca di amministrare quella che potrebbe essere l’ultima azione del match, ma Faiulli spreca, permettendo a 4″ dalla fine l’ultima riscossa dell’ASD Sportinsieme Castellarano.

La  palla arriva tra le mani di Id-Ammou, che subisce fallo sul suon di sirena: sarà il tiro franco a sancire la conclusione dell’incontro. Mentre la panchina del Parma comincia a fare festa, taluni anche rivolgendo sfottò al pubblico di casa, in campo nasce un parapiglia – forse scatenato da un cambio irregolare degli ospiti, dal quale verranno espulsi Siracusano e Ferrari. L’arbitro sistema la barriera parmigiana e Vezzelli s’incarica personalmente del tiro: una finta a destra, si inclina con tutto il corpo verso sinistra ed infine lascia partire una fucilata che passa a fianco della barriera parmigiana prima di insaccarsi sotto l’incrocio dei pali. Scoppia la bolgia totale, tutto l’ASD Sportinsieme Castellarano si butta addosso al suo eroe di giornata Vezzelli, mentre il pubblico premia con incessanti applausi la caparbietà della squadra di casa.

Fase della partita2Partita davvero avvincente ed emozionante, in cui le due formazioni si spartiscono la posta in palio, con 1 punto che non soddisfa nessuna delle due classifiche; sarà soprattutto Parma a tornare a casa con l’amaro in bocca, sia per l’inadeguata amministrazione del risultato nel finale, sia – soprattutto – per aver lasciato a Castellarano 2 punti che sarebbero potuti esser decisamente utili in virtù del prossimo scontro al vertice con H.C. Pallamano Imola. ASD Sportinsieme Castellarano è bravo a non perdere la testa nei momenti difficili del match e a non dare nel solo Di Matteo il punto di riferimento per la manovra offensiva, permettendo di dare gloria una volta tanto anche a Vezzelli, Id-Ammou e Siracusano: sono stati infatti i giovani a dare maggiore linfa e spessore alla squadra reggiana, componenti che non sempre si son fatti trovare pronti agli appuntamenti fin qui affrontati, ma si confida che non sia solo un fuoco di paglia, e che sia l’inizio di un periodo di grandi soddisfazioni e continuità. Tra le fila dei ducali, si rileva il solito Faiulli a dettare legge e gioco, coadiuvato da un roccioso Cortesi e dai diversi giovani di alto livello come Ferrari e Anelli, componenti che si inseriscono in una squadra davvero completa in ogni reparto che, a giudizio di molti addetti ai lavori – ai quali ci aggiungiamo anche noi -, è probabilmente la più forte del campionato.

Il campionato di Serie B Maschile prenderà una pausa di una settimana per permettere la selezione e le partite delle Rappresentative di Area della Nazionale; prossimo (romantico) appuntamento, quindi, il 14 febbraio in quel di Bazzano (BO) per la sfida contro la Pallamano 2 Agosto.

 

♦♦♦♦♦

 

Grand Prix di pallamano UISP Under 13 misto e Under 15 misto sperimentale

pallamanoUISP

tappa Castellarano, domenica 18 gennaio 2015

Squadre partecipanti Under 13 misto

  • Pallamano Castellarano
  • Pallamano Tre Valli
  • Handball Faenza 1983

Squadre partecipanti Under 15 misto

  • Pallamano Castellarano
  • Pallamano Tre Valli

Calendario

inizio partite ore 15, partite da 15 minuti

ore 15,00 Castellarano – Tre Valli Under 13   11 – 1

ore 15,20 Castellarano – Tre Valli Under 15   4 – 3

ore 15,40 Tre Valli – Faenza Under 13   2-5

ore 16 Tre Valli – Castellarano Under 15   6-15

ore 16,20 Castellarano – Faenza Under 13   4-7

ore 16,40 Castellarano – Tre Valli Under 15   19-7

Ritorno

ore 17 Castellarano – Tre Valli Under 13   7 – 4

ore 17,20 Faenza – Tre Valli Under 13   6-1

ore 17,40 Faenza – Castellarano Under 13   6-4

——–

PALLAMANO: LE NUOVE SQUADRE

DSCN6542 13 1
L’estate è finita e l’anno sportivo 2014/2015 è iniziato. La Pallamano Sportinsieme Castellarano ricomincia da due conferme e tre novità.
Le conferme sono quelle della partecipazione ai campionati di Serie B maschile e Under 18 femminile. Si riparte da un quinto posto che va un po’ stretto alla prima squadra maschile e la voglia di rivincita è tanta. Quest’anno possiamo contare sulla rosa dell’anno scorso, rinforzata da alcuni giovani provenienti dalla nostra ex under 20 e da tre nuovi innesti, che hanno sposato il progetto della formazione Castellaranese.

Da segnalare una sola partenza, quella del portiere Davide Russo, che vestirà i colori dello Spallanzani Casalgrande, militante nel campionato di Serie A maschile.
L’under 18 femminile è la conferma della vecchia under 16 femminile: stessa identica rosa con la sola aggiunta di una giocatrice proveniente dalla prima squadra femminile (quest’anno non iscritta causa mancanza di giocatrici).
Le novità sono rappresentate dall’under 14 maschile, partecipante al campionato regionale, e dalle under 13 e under 15 miste che parteciperanno ai vari tornei UISP. Tutto questo è stato reso possibile da una grande affl uenza di ragazzi frequentanti le scuole medie e da una solida organizzazione, data da un’esperienza pluriennale nella crescita dei ragazzi dai 9 anni in su.
Basti pensare che la prima squadra è composta per la maggior parte da ragazzi che cominciarono a muovere i primi passi nella pallamano proprio nella società castellaranese.
L’obiettivo è una continua crescita del nostro organico, per assicurare un ricambio generazionale negli anni e fare in modo di garantire divertimento e svago a tutti coloro che vestiranno i nostri colori, grandi e piccini.

———–

PALLAMANO, UNO SPORT IN CRESCITA

13_20femm PALLAMANO DSCN6954

 

Siamo giunti al termine della stagione sportiva 2013-2014.

Il bilancio della stagione è stato sicuramente positivo, grazie all’aumento del numero dei tesserati dai 70 dell’anno precedente ai 100 di quest’anno.
La griglia di partenza vedeva impegnata la Serie B maschile nel Campionato Regionale, nel quale si è classificata al quinto posto, alternando risultati importanti, come la vittoria contro la più blasonata Parma Pallamano, a risultati deludenti, come il pareggio contro il G.S. Riale. Una squadra formata per lo più da ragazzi residenti a Castellarano che, assieme a tre rinforzi “esterni” (tra cui il capocannoniere del precedente campionato di Serie B, Nunzio Di Matteo), hanno creato un gruppo unito, capace di esprimere un gioco a tratti brillante. Da segnalare il ritorno del capitano
Michele Siracusano dopo un lungo infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per quasi un anno, oltre ai ritorni di Valerio Buonansegna e di Alberto Gigli dopo 6 anni di inattività.
Sempre nell’ambito maschile, è nata una squadra di Under 20 completamente rinnovata rispetto all’anno precedente. Purtroppo i risultati sono stati deludenti, complice anche il fatto che la formazione schierava molti ragazzi più giovani dei pari categoria partecipanti al campionato regionale. La stagione è terminata con un penultimo posto, ma possiamo vantare il capocannoniere del campionato, Cristian Lentisco, capace di realizzare ben 118 reti!
Nel settore femminile abbiamo partecipato al campionato regionale di Serie B con risultati nella media. Purtroppo la squadra ha registrato numerose assenze durante il corso della competizione a causa di infortuni e motivi personali, concludendo il girone al sesto posto. Vista l’adesione di numerose ragazze alla loro prima esperienza, siamo riusciti a partecipare anche al campionato Under 16 Regionale togliendoci diverse soddisfazioni con la chiamata nella rappresentativa interregionale di tre nostre atlete: Carlotta Malvolti, Silvia Panciroli e Alessia Piumi.
Nonostante il debutto assoluto nella categoria, abbiamo assistito ad un miglioramento graduale, conquistando diverse vittorie contro squadre più esperte.
Il fiore all’occhiello della nostra annata è stato sicuramente riuscire a mettere assieme un gruppo di ragazzi/e, annata 2001-2004, formando un gruppo capace di farsi valere nei vari concentramenti Under 13 organizzati dalla Uisp.
A settembre, con l’inizio della nuova stagione sportiva, miriamo, oltre alla conferma delle squadre sopracitate, ad allargare un settore giovanile già di per sé ricco di giovani talenti.
Vi aspettiamo tutti i martedì e i giovedì nella palestra delle scuole elementari di Via Rio Branzola per una prova gratuita.